Territorio Marías

Winslow Homer

Winslow Homer

Hay una primera consecuencia de la decisión de publicar juntos los dos libros de cuentos que el autor había escrito, Mientras ellas duermen (1990 y 2000) y Cuando fui mortal (1996): que permite ver a Javier Marías completo. No me refiero únicamente a la idea externa de ver reunida la totalidad de sus relatos, unos aceptados sin duda por él y otros «aceptables», con alguna reserva, según anota en el prólogo. Me refiero a Marías «completo» en sentido interno, puesto que son sus cuentos los que permiten a los lectores asomarse mejor a la variedad de estilos de este escritor y saber que su paisaje literario permite ser visto desde distintas ventanas. De esa forma, los textos cumplen el designio de mostrar a un Marías humorista, socarrón hasta el límite que comparte casi solo con Eduardo Mendoza, en que lo cómico o paródico puede ser vía segura para dar en la diana de una sátira social.

Boda en Ronda

Destaca en esa vertiente su interés por los tipos o personajes como Ruibérriz de Torres, un donjuán algo patético por consabido, o MacGraw, que en «Mala índole», uno de los mejores relatos, es capaz de desarrollar ante nosotros las gracietas del ocurrente, hasta derivar en un mastuerzo desatado en bailoteos de hiriente desparpajo. O Baringo Roy, quien en una boda en Ronda suelta las confidencias con proverbial e irresponsable camaradería.

Aquel cuento, «Mala índole», que también hace un repaso satírico al mundo de las películas malas (¿hubo alguna buena?) de Elvis Presley, termina de manera sorprendentemente trágica. Cualquiera que conozca bien la obra de Marías sabe que lo cómico en sus relatos (también ocurre en sus novelas) muchas veces se halla contiguo a lo trágico y de una broma vamos pasando, casi sin solución de continuidad, a una tragedia, anidada en la sorpresa del azar o albergada en el fondo de la broma misma.

Una escena de playa

En el cuento «Mientras ellas duermen», la primera parte es cómico-satírica: una escena veraniega de playa nos presenta a un marido impertinentemente entregado a filmar una y otra vez a su bella mujer. Pues bien, esa escena morosamente descrita nada tiene que ver con el asunto clave del cuento, que percibimos a su final y que no he de desvelar, pero que contiene un gran tema de Marías: el amor y la belleza son contiguos a la muerte.

Hay otro elemento estilístico que no puede dejar de subrayarse. La evolución del género cuento entre nosotros ha ido haciendo a muchos autores alejarse de contar historias, sustituyéndolas por una estampa lírica o una gracia verbal. Lo más visible –llega a convertirse en original hoy– es que los de Javier Marías desmienten esa tendencia, ya que recuperan lo que es consustancial: contar una anécdota o historia que alberga en germen un contenido mayor.

Muchos de ellos parten de una situación jocosa, incluso forzada, como le ocurre a dos de los mejores: «Lo que dijo el mayordomo» y «Prismáticos rotos», en los que una azarosa circunstancia pone en contacto al personaje narrador con un curioso perturbado o con una acción truculenta que va a ser inevitable. Esa condición de testigo insólito, situado por azar ante una situación que se complica cada vez más, resulta muy típica en Marías, y responde a una poética implícita: detrás de aparentes nimiedades se esconden atroces posibilidades. Basta con oír y mirar. Por tal cosa, muchos de los personajes narradores de Marías son «curiosos impertinentes».

Y entre quienes pueden mirar o escuchar con privilegio mayor están los fantasmas. La situación del fantasma, que ha dado título a dos libros enteros de Marías y a su actual serie periodística, permite al autor rendir homenaje a cuentos y películas en la delicada pieza amorosa «No más amores», pero también da paso a la joya del conjunto, «Cuando fui mortal», que encierra la gran cuestión que su literatura ha visitado desde Negra espalda… a Tu rostro mañana: cómo, a diferencia del espacio, el tiempo no lo tenemos, ni podemos saberlo todo, ni nos es dado saltar el futuro.

Corazón tan blanco

Lo cual me lleva a otro estímulo para leer despacio este libro [Mala índole]: quienes sean aficionados a Javier Marías encontrarán aquí muchos de sus motivos encarnados en personajes, desde el malvado Custardoy de Veneno y sombra y adiós, presente en varios textos de diferentes época, hasta el escritor de Todas las almas, John Gawsworth, contenido en la soberbia escena ante el escaparate de una librería de viejo, en «Un epigrama de lealtad». Sin olvidar el comienzo de Corazón tan blanco, esbozado en el cuento «En el viaje de novios».

Javier Marías, por tanto, reconocible en su estilo, pero también sorprendentemente variado. La versatilidad y capacidad de dominio de distintos ritmos narrativos aquí presentes resultarán inesperados para muchos. Este magnífico libro de cuentos enseña el territorio de Marías como ningún otro libro.

J. M. POZUELO YVANCOS

Abc Cultural, 8 de diciembre de 2012

Anuncios

Javier Marías e la legge del desiderio

le Italia

Presentación en Italia

Le sigarette di Javier Marías stanno distese una accanto all’altra, trattenute dieci a destra e dieci a sinistra da un elastico piatto, ordinate nei due lati di un portasigarette laccato di rosso, bello, antico. Sono sigarette tedesche molto leggere fabbricate dalla ditta Reemtsma. Estrae una sigaretta dal suo letto d’argento, la fuma. Non si può fare a meno di pensare, ogni volta che ne sfila una, al gesto preliminare, forse mattutino, di certo quotidiano: quello di toglierle dal pacchetto e allinearle lì sotto l’elastico, con metodo. Al tabaccaio che deve averne una riserva solo per lui, nella rivendita sotto casa nel cuore di Madrid.

Le sue Reemtsma, don Javier, buona giornata. Lascia immaginare, il portasigarette rosso, una libreria di volumi altrettanto ordinati in una casa docile alle abitudini del suo proprietario. Niente animali domestici, niente computer. Niente telefoni cellulari, niente auto nel garage. Solo una macchina da scrivere, un fax. I volumi in inglese nella parete dei libri inglesi, la collezione dei soldatini di piombo allineata davanti. Molti di Crimea, “i più belli”. L’acqua di colonia nel bagno. La buona musica, accanto alla tv lo scaffale dei film. L’uomo che uccise Liberty Wallance tra tutti il preferito.

Nessun intruso. Nessuna donna. E però è con un lampo di ironia che dice “è stato per caso che non mi sono mai propriamente sposato”. Propriamente nel senso che non c’è stata la certificazione, un accidente del destino: “Una volta una mia morosa era già sposata e a quel tempo non c’era il divorzio, in Spagna. Un’altra volta lei era americana e c’era la distanza, anzi due: le americane sono state due. Una volta era italiana, ed era lei ad essere incerta sul mio conto”. Gli occhi già lunghi si allungano nel sorriso. E’ un elenco che parla di treni troppo lenti, di disincontri e contrattempi. Nel suo italiano perfetto e letterario il termine “morosa” dice qualcosa del suo amore italiano, è stata certo lei a consegnargli il vocabolo perché  -dice infatti- “l’unico modo per imparare una lingua senza studiarla è avere un amore”. L’italiano l’ha imparato così.

Gli innamoramenti (Einaudi), s’intitola il suo ultimo romanzo. Un uso vertiginoso della lingua, un’ipnosi ad andamento lento. Un’anatomia del sentimento amoroso implacabile: come vedere un film al rallenty, con un fotogramma che si insinua nell’altro. È una donna che guarda. Dalla finestra sul cortile, osserva e racconta.

“Ma davvero dunque vuole parlare d’amore, di me e dell’amore?”, domanda e sfila un’altra sigaretta dal suo letto.

Davvero. Potrebbe mettere in ordine gerarchico gli amori della sua vita? Amori di ogni genere: persone e cose.
“Persone più di ogni cosa, senza dubbio. Persone, e certo donne al primo posto. Poi le persone in generale. Mio padre, mio fratello. Le persone che abbiamo amato, quelle rispetto alle quali abbiamo avuto la sensazione di non poter vivere senza. Poi si vive senza, certo. Ma dopo. Al secondo posto un tempo avrei messo la lettura, oggi non più. Ricordo di aver sentito mio padre dire: più divento vecchio meno leggo. Allora non capivo, ora sì. Leggo meno anche io, dopo aver letto così tanto. Poi il cinema, certamente. Ci sono film che non smetterei mai di rivedere. Liberty Wallance, Sentieri selvaggi. Poi il calcio, anche se sempre di meno a causa di questo Mourinho: una figura detestabile, se ne andrà presto spero. Poi l’amicizia, che come diceva Oscar Wilde è più tragica dell’amore perché dura più tempo. Certo è che la ricompensa che ti dà l’amore è più forte”.

L’amore, o l’innamoramento? Quest’ultimo, lei scrive, produce debolezza: ho un debole, si dice. Rende vulnerabili.
“L’innamoramento è una condizione che non tutte le lingue certificano. In italiano e in spagnolo sì, c’è una parola per dirlo, ma in altri idiomi servono perifrasi. Cadere, essere in. Come fosse un transito o un accidente. E’ certo molto faticoso, quanto inevitabile, innamorarsi. Prevede un grado di audacia e di insensatezza che con l’età, direi più con l’esperienza, si tende ad evitare. Questo perché ci si impigrisce. Si scansa la fatica. Tuttavia io stesso vedo con certezza che le uniche stagioni della vita che abbiano qualche interesse, a posteriori, sono quelle: le storie d’amore molto appassionate, complicate, intense, quelle che portano con sé grandi sofferenze e momenti stupendi. Quello è l’apice dell’esistenza, senza dubbio”.

Perché dice “a posteriori”? C’è un’età per innamorarsi?
“No, non direi. E’ più o meno sempre lo stesso, dai 7 anni in poi. Solo che purtroppo col tempo si diventa più prudenti e, credendo di preservarsi, si evita la pena. Con la fatica e con la pena anche la meraviglia, va da sé”.

A lei quante volte è successo?
“Quante volte sono stato innamorato? Difficile dirlo, capita di credere di esserlo, durante, e poi non lo si era o al contrario capita di ostinarsi a pensare che no, non lo si è, e invece bisogna infine arrendersi. Diciamo quattro comunque: quattro volte, almeno. Sono state e sono tuttora sempre relazioni a distanza, senza vera convivenza. Per cause di forza maggiore, dico a me stesso, però poi in verità chissà se volendo non avrei potuto… E’ probabile che mi trovi meglio così. Che la chiave del desiderio sia la distanza. In questo senso la raccomando. Con le donne che ho amato ho conservato quasi sempre una grandissima amicizia, anche questo non è consueto. Alcune sono diventate amiche tra loro”.

E questo non la spaventa?
“No  – ride –  no, no. Non temo possano farmi del male, neppure se in coalizione. Le donne che ho amato hanno avuto tutte tre caratteristiche: ridevano molto, erano buone persone ed erano molto intelligenti. Non necessariamente in quest’ordine, ma sempre tutte e tre le cose. Persone molto interessanti, persone che restano”.

È la prima volta, in questo romanzo, che assume un punto di vista femminile.
“Sì, sono abituato a scrivere in prima persona e qui lo sguardo doveva essere quello di una donna: solo una donna può osservare in quel modo la felicità di una coppia. È così che inizia la storia, una donna che guarda una coppia. Le prime trenta pagine sono il racconto di una vicenda reale. Volevo raccontare di una donna che resta con un uomo che le ha causato una grande disgrazia. Una donna che infligge a quell’uomo la punizione di restargli accanto. Poi, invece, il racconto è andato altrove”.

Sembra più interessato al tema della morte che a quello dell’amore, il racconto.
“È possibile. O comunque ugualmente interessato. L’idea che si possa fare a meno di qualcuno che ci appare indispensabile, e amare oltre, andare oltre. Prendo in prestito un romanzo di Balzac, per dirlo. Ma anche I tre moschettieri, il titolo viene da lì. Mi incanta Dumas. Certo Shakespeare. Certo Cervantes. La letteratura, vede, è fatta da individui. La letteratura sono uomini. Cervantes è spagnolo, eppure è il meno spagnolo degli scrittori: è Cervantes. Rileggendo, che è quello che ormai faccio, trovo nei grandi scrittori di ogni tempo e di ogni luogo i medesimi cardini. Proust lo dice con ferocia: capita che a uno non importi più niente della persona per la quale viveva. Balzac con serietà, Shakespeare con il consueto mistero. Cos’è il tempo. Hereafter, cos’è. In definitiva, penso adesso a quest’altezza della vita, si tratta di presenza e di assenza. Di amore e di morte, solo questo. Con l’ironia che serve a dire quel che non si può davvero indicare. Noi spagnoli abbiamo qualche difficoltà, ci manca la vostra grazia italiana. La risata che incanta e che innamora. La risata che ci rende deboli e ci appassiona, che capisce e che dimentica senza negare. Innamorarsi è questo. Una magnifica vulnerabilità del corpo, una speciale capienza dell’anima. Ricordo di una volta in cui presi un aereo dall’America per venire proprio in Italia, insensatamente, sapientemente, per passare una notte a convincere una donna del mio amore per lei, e lei del suo per me. Ricordo che mi trovai alle sei di mattina per strada, c’era un altro che arrivava e non potevo occupare quel posto. Ricordo me stesso con la valigia, per strada, all’alba. Non è possibile descrivere quella pienezza, quella assoluta inevitabile assurdità. Eppure, ancora oggi, la memoria di quel momento non mi abbandona”.

CONCITA DE GREGORIO

La Repubblica,10 dicembre 2012